I cartoni animati che non farei vedere ai miei figli

Innanzitutto io non ho figli. Ciò significa che quando (si spera) avrò dei marmocchi, glieli farò vedere lo stesso.
In secondo luogo tutte le parole e la punteggiatura che vedete qui sono in blu. Perché? 
Perché sono riferimenti e se ci cliccate sopra si apriranno delle altre finestre sul vostro browser.

Ho deciso di mettere un link per ogni parola riportata, così che se qualcuno non capisse quello che ho scritto può sempre andare a leggersi il significato.

Ok, mi sono già rotto il cazzo dopo un solo paragrafo.
Andate a cercarvele da soli la prossima volta.

Dopo questa inutile, quanto antipatica prefazione, vorrei parlarvi di un cartone animato di recente scoperta (ringrazio chi me l’ha suggerito: daje Dave!):

Rick & Morty

01

Cartone animato in visione gratuita sul canale di Adult Swim (questo è l’ultimo riferimento che metto, giuro) narra le avventure in giro per mondi paralleli di un geniale scienziato e suo nipote.
02

Fin qui sembra un’idea nemmeno troppo originale, se non fosse che Rick, il nonno scienziato, è un alcolista che mette sempre nei casini il nipote Morty, il quale è il tipico ragazzino sfigato preso di mira dai bulli della scuola.
Rick vive a casa di sua figlia Beth (la madre di Morty), suo marito Jerry (il padre stupido, ma stavolta non grasso come nei classici cartoni americani) e la sorella maggiore di Morty, Summer.

05

Foto di famiglia in giro per un mondo parallelo dove dei castori vivono dentro dei culi. Dopo di questa dovreste sentirvi obbligati a vedere il cartone.

03

Creature Cronenberghiane e altre cose viscide e schifose. Che figata!

07

Beth lavora come chirurgo per cavalli.

Rick odia ed insulta costantemente il padre, ma vuole molto bene al nipote, seppur non lo dia a vedere. Trascinandolo in assurdi universi dove rischiano la morte ogni secondo, Rick affronta la maggior parte dei suoi viaggi per interessi personali. Nell’episodio pilota, ad esempio, finiscono in un mondo parallelo in cui le condizioni ambientali sono ottimali per la crescita di mega-piante, sulle quali crescono mega-frutti, nei quali ci sono mega-semi, utili per gli esperimenti di Rick.
Seeds

Una volta raccolti i semi, convince Morty a infilarseli nel sedere.

Up in the butthole

“…and put them way up inside your butthole!”

Perché?
Scopritelo guardando il cartone più cinico e amorale che sia stato concepito quest’anno!

Non esiste ancora in italiano, ed è meglio così. In primis perché siamo un popolo di ignoranti e secondo me è il caso di cambiare registro, ma soprattutto perché non si può creare lo stesso effetto dell’originale.
Ecco a voi il primo spot commercial che ha anticipato la serie:

“Tell your dad…he’s an idiot…”

Sì, Rick balbetta e rutta continuamente, oltre ad insultare Jerry, il padre di Morty.
Ma è proprio questo il bello!

Una serie animata che vi consiglio vivamente, soprattutto se covate ironia nera nel vostro animo.

Avendo per ora solo una stagione di 11 episodi da 20 minuti l’uno, si fa anche in fretta a guardarla tutta.

Non aggiungo altro, che poi rischio di inserire spoiler. Mi conosco.
E poi so già che se vado avanti a scrivere ricomincio a colorare di blu le parole.
Quindi vi saluto.

Uella buonasera, da
Barack O’Baldo, detto il…ehm…[burp]…il…pirla

Annunci

23 comments

  1. Lodevole iniziativa! L’unico rammarico è che tu abbia smesso di ipertestare l’inipertestabile!
    Cartone che vedrò sicuramente!
    Nell’articolo tratti un argomento che voglio trattare anche io. Questo per me è segno positivo (+).

    1. Argomento cartoni animati? Sì, io guardo praticamente solo quelli. E perlopiù quelli americani (o asiatici).
      Infatti io non guardo serie televisive, perché m’annoiano subito e penso sia una cosa che ho nel DNA. So di passare per l’anormale, ma così continuerò: cartoni animati e film!

  2. Mmmh, non so… Quanto a cinismo e amoralità, “Beavis and Butthead” erano già avanti anni luce, secondo me. Anche (e soprattutto) sui rutti.

    1. Ben dici, ma nessuno batterà South Park in questo campo.
      La differenza sta nell’impossibilità di paragonare questi cartoni tra loro, proprio perché South Park ha comunque una buona morale sociale che vuole trasmettere con la sua particolare ironia, mentre (come ben dici te) Beavis and Butthead ha lanciato un altro genere di cartoni, simile a Rick & Morty. Però parlare di quei due capolavori sarebbe quasi superficiale ora.
      La cosa che apprezzo di Rick & Morty è che è nuovo. E stranamente piacente per essere una novità (io e il mio carattere da tipico anziano…).

      1. Sì, avevo capito a cosa ti riferissi. Ma dopo che te ne sei uscita con Min(n)e Fushiko… beh… tanto di cappello.
        E’ un capolavoro. Tra l’altro dovrebbe essere uscito quest’estate un lungometraggio sempre degli stessi autori che hanno fatto quello di Mine Fushiko, però sulla figura del più figo: Jigen. Brava che me l’hai ricordato!

      2. Beh, ma se c’è già in giro la versione HD (e non la raw), sicuro tempo pochissimo e qualcuno, tipo OPF-italia (che supporto e apprezzo moltissimo per il loro costante lavoro di traduzione) lo metterà in circolo sull’internet.
        Ora non ho tempo che devo andare ad un compleanno, altrimenti mi mettevo subito a cercare.
        Ti farò sapere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...